Piceno Gas Vendita
tariffe

Visualizza le tariffe in vigore nel trimestre corrente e lo storico dei trimestri precedenti.

Piceno Gas Vendita
documenti

Tutta la documentazione e la modulistica utile ai nostri clienti.

Per trasmetterci i tuoi consumi puoi usare la cartolina che vi è stata recapitata, chiamare il nostro numero verde 800287444 o contattarci online nell’apposita area clienti.

Vuoi cambiare fornitore? Vuoi aderire a una nostra offerta?

Ci Pensa Piceno Gas Vendita!

Hai già un fornitore gas ma hai scoperto un'offerta Piceno Gas Vendita adatta alle tue esigenze? Passare a Piceno Gas Vendita è semplice e immediato! Non dovrai cambiare né impianto, né contatore e non dovrai preoccuparti delle pratiche.

Il cambio del fornitore di gas metano, non causa interruzione del flusso della fornitura.

Cosa occorre:

  • copia dell’ultima bolletta gas del precedente fornitore
  • il tuo codice fiscale
  • la carta di identità
  • i dati catastali del tuo immobile
  • il codice IBAN se intendi diventare cliente ed effettuare i pagamenti delle bollette tramite SDD bancario.

Come fare per effettuare la sottoscrizione di un contratti Piceno Gas Vendita:

  • raggiungere l'ufficio di zona a te più vicino
  • inviare una richiesta via email all’indirizzo info@picenogasvendita.it
  • chiamare il Numero Verde 800 287444

Agevolazioni cambio fornitore

  • Gestione gratuita della risoluzione del rapporto con l'attuale fornitore.
  • Nessun costo per I diritti contrattuali di attivazione della nuova fornitura.

Pagamenti gas

  • Possibilità di ripartire il costo annuale in rate costanti bimestrali.
  • Possibilità per le utenze di residenze secondarie con consumi annuali bassi di effettuare i pagamento con un'unica bolletta.
  • Pagamento della bolletta tramite bollettino di conto corrente; domiciliazione bancaria e/o postale (RID) (Scarica il nuovo modello); bonifico bancario e/o postale anche telematico.

Bonus sociale gas

  • Il bonus gas è una riduzione sulle bollette del gas riservata sia alle famiglie in condizioni di disagio economico sia alle famiglie numerose, introdotta dal Governo e resa operativa dall'Autorità con la collaborazione dei Comuni. Il bonus vale esclusivamente per il gas metano distribuito a rete (e non per il gas in bombola o per il GPL), per i consumi nell'abitazione di residenza.
    Possono accedere al bonus tutti i clienti domestici titolari di un contratto di fornitura diretto oppure serviti da un impianto condominiale, se in presenza di un indicatore ISEE: non superiore a 7.500 €; non superiore a 20.000 € per le famiglie numerose (con più di tre figli a carico).

Per effettuare l’autolettura puoi contattarci telefonicamente al numero verde 800287444, inviarci la cartolina che vi è stata recapitata o contattarci direttamente sul sito, nell'apposita area clienti.

È possibile pagare la bolletta tramite:

  • Domiciliazione bancaria e postale.
  • Bonifico bancario sul conto presso la Banca dell’Adriatico codice IBAN
    IT24 W030 6913 5061 0000 0002 821
    o presso Poste Italiane codice IBAN
    IT15 Q0760113500000039053657
    indicando nella causale codice cliente, numero e data fattura.

La voltura del gas è la pratica con cui si richiede all'ente erogatore di gas il subentro nel contratto già preesistente di un nuovo intestatario. La voltura del gas solitamente si richiede quando si acquista un'abitazione che era già provvista di un contatore per la fornitura del gas. Il nuovo proprietario, in tal caso, in accordo con il vecchio intestatario, chiede la voltura gas all'ente erogatore di energia.

Desideri cambiare l'intestatario di fornitura di gas che è già attivo? Il nostro personale ti aiuterà a compilare la documentazione contrattuale.

Cosa serve per completare velocemente la richiesta? Assicurati di avere sotto mano i seguenti dati:

  • La matricola del contatore (per la fornitura di gas).
  • POD e/o PDR.
  • L'autolettura del contatore, in accordo con chi lascia l'unità immobiliare.
  • L'indirizzo di recapito della fattura di conguaglio finale di chi lascia l'unità immobiliare.
  • Tipo d'uso per la fornitura gas (cottura + acqua calda / cottura + riscaldamento con o senza acqua calda).
  • L'indirizzo al quale dovrà essere recapitata la fattura.

Se è presente un contatore ma il contratto precedente è stato cancellato, allora devi riattivare la fornitura grazie ad un subentro, analogo alla richiesta di attivazione.

Cosa ti sarà richiesto per effettuare una voltura o un subentro? Prima di contattare il fornitore di energia elettrica e/o gas per effettuare una voltura o un subentro assicurati di avere con te i dati seguenti:

  • I tuoi dati personali: codice fiscale, carta d'identità dell'intestario del contratto (anche una fotocopia, sempre utile), recapito telefonico, indirizzo...
  • Per il GAS il codice PDR, che trovi sulla bolletta del precedente inquilino.
  • L'autolettura del contatore.
  • Le coordinate del conto corrente bancario/postale (solo se richiedi il pagamento tramite SDD).
  • Solo in caso di voltura, l'indirizzo di recapito della fattura di conguaglio finale di chi lascia l'unità immobiliare.
  • Solo per contratto LUCE: la potenza impegnata
  • Solo per contratto LUCE: se si tratta di prima casa: l'autocertificazione di residenza anagrafica per approfittare della tariffa agevolata per i residenti.

Estratto delibera 191/2013: il venditore pubblica nel proprio sito internet, in una sezione facilmente accessibile individuata come “assicurazione clienti finali”, le informazioni di cui al comma 3.2, lettera e), punti i), ii), iii) e il testo riportato nell’Allegato 2 Comma 3.2 lettera e) punti i), ii), iii):

i) il contratto di assicurazione
ii) il modulo per la denuncia di sinistro
iii) il numero verde e l’indirizzo di posta elettronica di cui alla precedente lettera d): attiva un numero verde 800 92 92 86 e un indirizzo di posta elettronica assigas@cig.it per fornire informazioni agli interessati in merito ai sinistri aperti relativi al contratto di assicurazione

Allegato 2

Assicurazione Clienti Finali

Chiunque usi, anche occasionalmente, gas metano o altro tipo di gas fornito tramite reti di distribuzione urbana o reti di trasporto, beneficia in via automatica di una copertura assicurativa contro gli incidenti da gas, ai sensi della deliberazione 191/2013/R/gas dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas. La copertura assicurativa è valida su tutto il territorio nazionale; da essa sono esclusi:
a. i clienti finali di gas metano diversi dai clienti domestici o condominiali domestici e dai soggetti che svolgono attività di servizio pubblico, caratterizzati da un consumo annuo superiore a 200.000 metri cubi alle condizioni standard;
b. i consumatori di gas metano per autotrazione.

Le garanzie prestate riguardano: la responsabilità civile nei confronti di terzi, gli incendi e gli infortuni, che abbiano origine negli impianti e negli apparecchi a valle del punto di consegna del gas (a valle del contatore). L’assicurazione è stipulata dal CIG (Comitato Italiano Gas) per conto dei clienti finali.

Per ulteriori dettagli in merito alla copertura assicurativa e alla modulistica da utilizzare per la denuncia di un eventuale sinistro si può contattare lo Sportello per il consumatore di energia al numero verde 800.166.654 o con le modalità indicate nel sito internet

http://www.autorita.energia.it/

Allegati

Polizza di Assicurazione dei Clienti finali del Gas
Modulo di denuncia di sinistro ai fini assicurativi

Hai bisogno di aiuto?

Come leggo la mia bolletta?

La bolletta del gas è un documento facile da consultare, conformi ai parametri di trasparenza definiti dall'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico (AEEGSI). Puoi facilmente individuare le informazioni salienti del tuo contratto, le voci di costo e i consumi relativi al periodo di fatturazione.

Perché la mia bolletta è così alta?

Come prima cosa ti consigliamo di controllare la lettura riportata sul tuo contatore e di confrontarla con quella riportata in bolletta, se quest'ultima risulta essere inferiore (o uguale) rispetto alla lettura del contatore, allora la tua bolletta è giusta e devi tenere sotto controllo i consumi, in caso contrario, devi controllare se la lettura indicata in bolletta è effettiva o presunta. Se la lettura è presunta, vuol dire che abbiamo fatturato un importo in acconto in attesa di una lettura effettiva del tuo contatore e, quindi, ciò che hai pagato ti verrà portato in detrazione non appena avremo a disposizione una lettura effettiva del tuo contatore, se invece la lettura in bolletta è una lettura effettiva e il tuo contatore segna un importo inferiore, allora puoi contattarci (inserire link con i contatti) per avere spiegazioni.

Quando la lettura è presunta e quando effettiva?

In genere leggiamo il contatore due volte l'anno, a giugno e dicembre. Se al momento della fatturazione siamo in possesso di una lettura aggiornata, emettiamo una bolletta con i metri cubi effettivamente consumati e quindi usiamo la dicitura "lettura effettiva", altrimenti dobbiamo stimare un consumo approssimativo sulla base del tuo storico e quindi usiamo la dicitura "lettura presunta" per indicare che i metri cubi non sono quelli realmente consumati, ma sono solo stimati. Il consiglio è di provvedere all'autolettura ogni bimestre, in questo modo la tua bolletta riporterà fedelmente i metri cubi consumati.

Come si fa l'autolettura?

Puoi contattarci telefonicamente al numero verde 800287444, inviarci la cartolina che vi è stata recapitata o direttamente sul sito, nell'apposita area clienti.

Quando posso accendere il riscaldamento?

L'accensione degli impianti termici è determinata dalla legge (D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412) che stabilisce tempi e orari di accensione a seconda della fascia climatica del comune in cui si trova l'impianto termico. Qui trovi la tabella (inserire link) con i periodi di accensione degli impianti termici. Ad esempio, per il comune di Ascoli Piceno, zona climatica "D", il periodo di accensione va dal 1° novembre fino al 15 aprile, per non più di 12 ore giornaliere di funzionamento e non prima delle 5 del mattino e non dopo le 11 di sera. Tali limiti possono essere derogati dai comuni con ordinanze sindacali in caso di comprovata necessità. Per conoscere la zona climatica del tuo comune puoi consultare la sezione tariffe sul nostro sito.

Da che cosa è formato il costo della fornitura di energia elettrica?

Il costo della fornitura di gas è formato dalle seguenti componenti principali:

  • la componente energia, ovvero il costo per l'acquisto della "materia prima" gas (incide per circa il 50% del totale della bolletta del gas al netto delle imposte ed è influenzata dalle quotazioni internazionali degli idrocarburi);
  • la vendita al dettaglio e la commercializzazione all'ingrosso, ovvero i costi per i servizi di commercializzazione e vendita;
  • il trasporto e lo stoccaggio, ovvero i costi per i servizi di trasporto e stoccaggio. Lo stoccaggio è quel servizio per il quale il gas viene conservato in depositi sotterranei da cui è prelevato per soddisfare le richieste del mercato o per fare fronte a eventuali emergenze;
  • la distribuzione locale, ovvero i costi per i servizi di distribuzione comprensivi degli oneri conseguenti alle misure per il risparmio energetico, all'incremento della qualità del servizio e al contenimento della spesa dei clienti con bassi consumi;
  • le imposte, ovvero le accise, l'addizionale regionale e l'IVA.

Che cos'è il bonus sociale gas?

Il bonus gas è una riduzione sulle bollette del gas riservata sia alle famiglie in condizioni di disagio economico sia alle famiglie numerose, introdotta dal Governo e resa operativa dall'Autorità con la collaborazione dei Comuni. Il bonus vale esclusivamente per il gas metano distribuito a rete (e non per il gas in bombola o per il GPL), per i consumi nell'abitazione di residenza. Possono accedere al bonus tutti i clienti domestici titolari di un contratto di fornitura diretto oppure serviti da un impianto condominiale, se in presenza di un indicatore ISEE: non superiore a 7.500 €; non superiore a 20.000 € per le famiglie numerose (con più di tre figli a carico).

Dove trovo la sezione degli accertamenti della sicurezza post contatore?

La sezione degli accertamenti della sicurezza post contatore si trova qui.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni